La “Rete34” contro De Luca: Instaurazione di un potere di tipo feudale e personale

8 Aprile 2020 Politica

I 34 firmatari della lettera in cui si chiedeva la rimozione del sindaco si appellano nuovamente alle istituzioni, denunciando “l’instaurazione di un potere di tipo feudale e personale”.

Di seguito il contenuto integrale del documento:

“Sin dall’inizio di questa vicenda avevamo segnalato alle istituzioni che a vario titolo potevano svolgere una funzione di controllo oltreché sanzionatoria, la scelta strategica deliberatamente assunta dal Sindaco di Messina di introdurre un sistema di costante e volontaria conflittualità tra i vari livelli di Governo, facendo surrettiziamente passare l’idea di una equiparazione giuridica tra fonti statali, fonti regionali e ordinanze comunali, e rendendo vistosamente pubbliche le presunte incongruenze dei provvedimenti via via adottati dal Governo, al punto da fare ritenere che esse fossero soggette a sostituzione, integrazione e modifica come se si trattasse di misure equivalenti quanto a forza ed efficacia.

Occorre ricordare che sul punto, il D.L. n. 9 del 2 marzo 2020, aveva specificatamente introdotto all’art. 35 una puntuale disposizione sulle ordinanze sindacali secondo cui “A seguito dell’adozione delle misure statali di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica non possono essere adottate e ove adottate sono inefficaci le ordinanze sindacali dirette a fronteggiare l’emergenza predetta in contrasto con le misure statali”. Successivamente con D.L. n. 19 del 25 marzo 2020, all’art. 3, si è precisato che “I Sindaci non possono adottare a pena di inefficacia ordinanze contingibili ed urgenti dirette a fronteggiare l’emergenza in contrasto con le misure statali, né eccedendo i limiti di oggetto di cui al comma I”.

Il compito di vigilanza sull’attività normativa eccezionale dei Sindaci è affidato ai Prefetti, quali titolari degli uffici territoriali di Governo. Per fornire alle autorità amministrative indicazioni operative maggiormente dettagliate, il Ministro dell’Interno, il 26 marzo 2020, ha emanato una circolare sulle misure atte a fronteggiare l’emergenza sanitaria. La circolare specifica ulteriormente che le ordinanze sindacali adottate per ragione di sanità possono essere emanate solo ed esclusivamente nelle more dell’adozione dei decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri con efficacia limitata fino a tale momento e solamente per specifiche situazioni sopravvenute di aggravamento del rischio sanitario nel territorio del comune interessato.

Per quanto detto, in radice è interdetto ai Sindaci un potere di ordinanza, conseguenza ovvia della natura mondiale dell’epidemia e quindi della stringente necessità di un ordine costituzionale volto ad assicurare un trattamento omogeneo dei diritti fondamentali in tutto il territorio nazionale. Difatti, il sempre richiamato ricorso ai canoni di adeguatezza, ragionevolezza e proporzionalità delle misure, può essere realizzato soltanto attraverso una visione generale e scientificamente probante degli interventi. Inoltre i delicati bilanciamenti tra diritti e libertà fondamentali non possono ovviamente soffrire deroghe di natura territoriale, ma vanno operati in via generale e, peraltro, con la copertura di un provvedimento avente forza legislativa qual è il decreto legge, assicurando così la conformità costituzionale degli interventi anche in un momento di straordinaria portata mondiale e di ovvio allentamento dei vincoli di natura sostanziale e procedimentale. In particolare, il punto più inquietante dello straripante protagonismo politico-istituzionale del Sindaco di Messina si registra in relazione alla disciplina da applicare per ciò che concerne l’attraversamento dello Stretto.

Da ormai decine di giorni, il Sindaco mortifica in modo ingiurioso le Istituzioni che a vario titolo hanno concorso a definire l’assetto regolatorio dell’attraversamento dello Stretto, giungendo a esercitare personalmente ed arbitrariamente funzioni ispettive e di controllo agli imbarchi e, dopo avere per decine di ore, in diretta televisiva – circostanza sicuramente a voi nota – aperto sguaiate forme di totale conflitto istituzionale, ha adottato un’ordinanza che si pretende sia la fonte prevalente ed esclusiva del regime giuridico cui veicoli e persone devono assoggettarsi per l’attraversamento dello Stretto.

Si tratta di un atto di inaudita gravità, poiché si esplicita l’aberrante principio secondo cui la libertà di circolazione sul territorio nazionale sia disciplinabile e comprimibile attraverso un’ordinanza del Sindaco, peraltro totalmente vietata dalle norme che abbiamo citato. Inoltre, in tempi meno drammatici, apparirebbe perfino puerile e grottesca l’affermazione secondo cui la “proprietà” del suolo comunale legittimerebbe l’adozione di norme che possano interdirne o negarne il passaggio.

Una sorta, pertanto, di potere di tipo feudale e personale insopportabile per uno Stato che, anche nell’emergenza, vuole preservare i suoi valori fondanti iscritti nella Costituzione Repubblicana. Dunque, siamo ben oltre quella rottura unilaterale e volontaria del principio di leale collaborazione istituzionale che, sin dall’inizio, e con preoccupazione, avevamo segnalato. Senza, peraltro, confortanti riscontri.

Siamo all’affermazione di un potere sovraordinato e dunque illegale. Se ciò non verrà adeguatamente contrastato nelle sedi previste dall’Ordinamento, si giungerà a tollerare che la sola forza, un presunto o reale consenso, e il mero fatto, divengano l’origine della validità delle Norme, secondo un classico del pensiero costituzionalistico che ha avuto la sua concreta realizzazione nei periodi storici più bui.

Non si tratta quindi di richiedere o invocare un’astratta autorità dello Stato, ma, al contrario, di richiedere un corretto funzionamento dei poteri di controllo e di garanzia, poiché, dall’inizio dell’emergenza coronavirus, in questa città, si sta attentando a libertà e a diritti costituzionalmente preziosi, non ultimo quello alla sicurezza giuridica già indebolito per la straordinaria vicenda che stiamo vivendo, ma ancor più fiaccato da un dissennato e abusivo intervento regolativo del Sindaco.

Siamo convinti del fatto che la posta in gioco, più che la reale vigenza di questa o quella ordinanza sindacale, sia viceversa l’ottenere simbolicamente – nella percezione dei cittadini – l’affermazione della capacità di esercizio del primo cittadino di questo potere di comando, esibendo, dunque, il trofeo di una sorta di vittorioso scontro istituzionale. Questo è inaccettabile poiché inferirebbe ulteriori colpi al tessuto connettivo della comunità e la lacererebbe ulteriormente, affermando peraltro l’idea che la forza può tutto.

Concludendo, si vuole altresì evidenziare come il suddetto Sindaco stia gestendo l’emergenza con chilometriche e alluvionali dirette social. Non c’è dubbio che, a parte la veste formale, si tratti di comunicazione istituzionale, poiché si tratta del Sindaco, poiché si opera all’interno di sedi pubbliche come quella della Protezione Civile, poiché si utilizzano beni materiali e immateriali dell’Amministrazioni, poiché si utilizzano informazioni istituzionali di cui si è in possesso in ragione del proprio ufficio.

In ragione della totale esclusione della stampa da ogni contraddittorio o richiesta di approfondimento, nonché del Consiglio comunale da ogni compartecipazione alle decisioni, riteniamo altresì che si stiano anche qui violando platealmente i principi di buon andamento e imparzialità dell’Amministrazione, di rispetto del principio del contraddittorio nell’ambito della comunicazione pubblica, dell’accertamento della verità dei fatti che sono, come saprete benissimo, manipolati e alterati nel corso di queste dirette, e anche dei diritti alla dignità personale e alla riservatezza. Tutto ciò, ovviamente, determina un ulteriore vulnus a diritti e a libertà fondamentali, primo fra tutti quello del diritto all’informazione e alla conoscenza come condizione essenziale per l’esercizio di una cittadinanza democratica.

Alla luce di quanto osservato, reiteriamo dunque la richiesta di un intervento sostanziale da parte delle S.S.V.V. al fine di ristabilire il rispetto della Norma formale e materiale. Quel che riteniamo da un lato un atto dovuto rispetto al dileggio sistematico di principi giuridici e democratici elementari, di una gestione del rischio improntata a criteri di scientificità e di una corretta comunicazione del rischio. E, dall’altro, un gesto che tenga in debita considerazione le istanze di una società civile forse meno rumorosa di altre componenti cittadine, ma che ha certamente lo stesso diritto di queste ultime a essere tenuta in considerazione e a non vedere incrinato il proprio rapporto fiduciario con quelle istituzione repubblicane che, in effetti, non hanno dato sinora prova di tenere in gran conto le plateali violazioni che le hanno investite.

Firmatari

Rete 34+

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione