Da Atene a Bari per un trapianto di fegato: L’organo apparteneva a una 70enne ricoverata a Messina

28 Aprile 2020 Cronaca di Messina

Da Atene a Bari per il trapianto di fegato: una paziente greca di 59 anni, con insufficienza epatica acuta e ricoverata in terapia intensiva in un ospedale di Atene, è stata trasferita e operata al Policlinico del capoluogo pugliese. La donna, in coma dall’8 aprile, è arrivata a Bari mercoledì 15 aprile ed è stata sottoposta al trapianto il 17: ora, a distanza di pochi giorni dall’intervento si è svegliata e sta bene.

Per salvare la vita alla donna si è messa in moto la macchina del coordinamento nazionale dei trapianti. Dall’organizzazione greca, in difficoltà per il reperimento dei donatori durante l’emergenza Covid, è partito l’sos all’Italia. La donna, prima di partire, è stata sottoposta a tampone per escludere la presenza di infezione da Covid19 ed è stata trasportata a Bari con un aereo militare dell’Aeronautica greca. A seguito di valutazioni neurologiche e sulle funzioni epatiche, fatte in sole 24 ore per far fronte all’urgenza dettata dalle gravi condizioni della paziente, è stato dato l’allarme nazionale per la ricerca della disponibilità del primo fegato su territorio nazionale.

Dalla Sicilia è arrivato l’ok. L’organo apparteneva a una 70enne ricoverata a Messina dove si è recata l’equipe barese per il prelievo. La paziente greca è stata operata a mezzanotte di venerdì 17 aprile dall’equipe del professor Luigi Lupo. “Non potevamo sottrarci alla richiesta di aiuto arrivata dai nostri vicini greci e abbiamo attivato una catena internazionale partita da Atene passando per Messina fino a Bari – dichiara il direttore generale del Policlinico di Bari, Giovanni Migliore – la solidarietà non ha bandiere e non conosce confini, abbiamo dato prova di  generosità e di eccellenza. Il sistema dei trapianti in Italia e in Puglia è all’avanguardia sia sotto il profilo clinico sia sotto quello organizzativo”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione