La scarcerazione di Porcino: La rabbia di Sonia e Chicco Alfano, “Adesso Merlino e Gullotti liberi…”

28 Aprile 2020 Inchieste/Giudiziaria

«Oggi, causa coronavirus, hanno scarcerato Angelo Porcino uno dei boss della cosca barcellonese». Lo scrive su Facebook Chicco Alfano, figlio di Beppe Alfano, il giornalista di Barcellona Pozzo di Gotto (ME) ucciso dalla mafia l’8 gennaio del 1993, commentando la scarcerazione di Angelo Porcino, 63 anni, elemento di spicco della mafia barcellonese, fino a ieri detenuto a Voghera

alfano chiccoDuro l’affondo contro il Ministro Alfonso Bonafede (siciliano, M5s) e il capo del DAP: «Adesso basta indugiare – continua Alfano – scarcerate anche Giuseppe Gullotti, boss della mafia barcellonese e mandante dell’omicidio di mio padre e Antonino Merlino killer di mio padre. Fatelo subito non aspettate la scusa del coronavirus perché tanto lo sappiamo: ciò che iniziò 28 anni fa non si è mai fermato. In un paese civile quale NON è l’Italia sarebbero già arrivate le dimissioni del ministro della Giustizia e del capo del D.A.P. Ma noi abbiamo invece il ministro del “io non centro”, del “non è colpa mia” e dell’indifferenza».

Anche Sonia Alfano, sorella di Chicco e figlia di Beppe, ha attaccato lo Stato: «L’Italia reclusa in casa, e i mafiosi liberi! In nome del Covid-19 italiano, Angelo Porcino, un altro 41/bis di mia conoscenza, ha fatto il suo rientro tra le accoglienti mura di casa a Barcellona Pozzo di Gotto. Silenzio dalle Procure Generali in merito ad eventuali impugnazioni delle scarcerazioni, silenzio dal Ministro (sa solo tacere), e silenzio da parte del capo del Dap. Preferirei, a questo punto, scarcerassero anche gli assassini di mio padre, così evitiamo la finta sorpresa e non ci giriamo tanto attorno. Fatelo, noi familiari della loro vittima, aspettiamo solo questo, per poter vivere meglio con il nostro dolore e le ingiustizie che questo stato ci impone da 27 anni. Adesso, Merlino e Gullotti liberi. Viva il Covid19, viva la trattativa Stato-mafia, viva il popolo bue italiano».
 

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione