Donna di 90 anni violentata e picchiata a Messina, pene più leggere per i 2 minorenni

24 Luglio 2020 Inchieste/Giudiziaria

La Corte di Appello per i Minorenni di Messina: Presidente Lazzara, a latere Trimarchi e Cannizzaro, ha accolto la tesi prospettata dai difensori nell’atto di appello ed ha escluso la sussistenza del tentato omicidio e condannato gli imputati per il reato di lesioni personali. Di conseguenza, ha rideterminato la pena per il diciassettenne S.C. in 6 anni e per il quattordicenne G.A. in 6 anni 6 e 8 mesi.

In primo grado erano stati condannati S.C. a 7 anni e 10 mesi G.A. a 8 anni e 8 mesi. Il sostituto procuratore generale Maurizio Salamone aveva chiesto la conferma della sentenza di primo grado, ritenendo il tentato omicidio corretto e le pene inflitte congrue. Il diciassettenne S.C. è difeso dagli avvocati Ernesto Marcianò e Alessandro Trovato, il quattordicenne G.A. dall’avvocato Giuseppe Carrabba.

I due minorenni sono accusati di aver rapinato, picchiato e violentato un’anziana signora lo scorso settembre. In base a quanto ricostruito dalla polizia, avrebbero dovuto compiere una rapina e alla fine avrebbero anche abusato della donna che aveva tentato di resistere all’aggressione. Dopo le botte e le violenze, la novantenne è stata salvata dagli agenti delle Volanti e trasportata in ospedale per ferite, escoriazioni e fratture multiple.

I due ragazzi sono stati prima individuati e condotti in un centro di prima accoglienza presso il Tribunale per i minorenni di Messina e poi in carcere: dovevano rispondere di rapina aggravata, tentato omicidio e violenza sessuale e possesso di oggetti atti a offendere.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione