Hotspot e CAS Gasparro, una delegazione di lavoratori della FP CGIL ricevuti questa mattina in Prefettura

27 Agosto 2020 Politica

Per il segretario della FP CGIL, Francesco Fucile, «è necessario dare una risposta a degli operatori trattati alla stregua di fantasmi, umiliati anche nella dignità di un ruolo che svolgono con professionalità e umanità» 

 

Mentre in città continua il dibattito urlante sulla chiusura dell’Hotspot e del CAS Gasparro, questa mattina, una delegazione di lavoratori delle due strutture d’accoglienza, con il segretario della FP CGIL, Francesco Fucile, hanno incontrato il vice-prefetto, Caterina Minutoli, per rappresentare la condizione di estremo disagio e profonda difficoltà che stanno attraversando.

«Al netto di qualsiasi possa essere la posizione assunta dall’Amministrazione locale in merito alle politiche migratorie – ha affermato il segretario Fucile – una cosa deve essere chiara a tutti: stando così le cose, ovvero in mancanza di ospiti all’interno dei due centri finiti nella “bufera”, oltre 20 lavoratori e quindi 20 famiglie, rischiano di non percepire più nessuno stipendio. Vero è, infatti, che le convenzioni con l’ente gestore Badia Grande scadrà alla data del 31 dicembre 2020, ma è altrettanto vero che trattadnsoi di strutture il cui meccanismo di rendicontazione delle spese è legato alla presenza di ospiti, l’assenza, appunto di migranti, non genera gli introiti necessario al pagamento del personale e il finale è quindi facile da immaginare: ammortizzatori sociali e successivi licenziamenti». Per la FP CGIL, dunque, «gli operatori dei centri di Bisconte, sono stati trattati alla stregua di fantasmi: non solo non è stato tenuto in considerazione che lo svuotamento delle strutture non avrebbe consentito di salvaguardare i livelli occupazionali, ma soprattutto è stata totalmente calpestata ed umiliata la loro dignità di lavoratori che in quei “lager”, ultimente termine usato ed abusato, non solo a livello locale, senza che ne venga conosciuto il vero significato, hanno fino ad oggi prestato la loro opera con serietà, professionalità, umanità, pur non venendo regolarmente retribuiti». La FP CGIL, infine, in considerazione dell’avviso per l’“Affidamento del servizio di accoglienza ed assistenza in favore di cittadini stranieri per l’applicazione delle misure di isolamento sanitario o di quarantena con sorveglianza attiva per la durata dell’emergenza epidemiologica da COVID 19”, ha chiesto alla Prefettura di Messina la possibilità di inserire una clausola sociale finalizzata alla salvaguardia dei posti di lavoro degli operatori attualmente a rischio.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione