De Micheli propone una ciclabile sullo Stretto di Messina

3 Settembre 2020 Cronaca di Messina

La ministra dei Trasporti e delle Infrastrutture Paola De Micheli è al centro di una polemica. A prenderla di mira è il fuoco amico. Tutto nasce da un tweet postato mercoledì sera dall’esponente dem del governo Conte: “Abbiamo istituito una commissione per capire qual è lo strumento migliore per collegare la Sicilia alla Calabria. Per collegarle su ferro, su strada e con una pista ciclabile. L’opera che verrà deve essere sicura ed economicamente sostenibile”.

Sui social si è scatenata l’ironia. Anche dei dirigenti del Pd. Matteo Orfini ha commentato così il post della ministra: “Si potrebbe provare pure con il teletrasporto”.

“Sul ponte sullo Stretto si esercita la fantasia dei miei colleghi di governo – ha detto il ministro del Sud Giuseppe Provenzano -. Ora dopo il ponte ci sarà il tunnel, ci saranno le piste ciclabili e arriverà anche il monopattino. Spero che nessuno proponga la funivia o la catapulta…”.

Al di là delle lecite ironie che uscite come quella di De Micheli possono suscitare, la frase della ministra preoccupa in vista del Recovery Fund, quando incertezze e progetti poco convincenti rischierebbero di rivelarsi fatali per il nostro Paese.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione