Milazzo, Midili ufficializza la nuova giunta

16 Ottobre 2020 Politica

Il sindaco di Milazzo Pippo Midili, così come annunciato, ha ufficializzato questa sera la giunta municipale. Un esecutivo che accoglie quasi tutti i rappresentanti delle liste della coalizione che ha sostenuto il primo cittadino. I sette assessori scelti dal sindaco per il governo della città sono: Santi Romagnolo (espressione della civica del sindaco), Antonio Nicosia (lista Fare Milazzo), Francesco Alesci (Diventerà Bellissima), Roberto Mellina (Innamorato della mia città), Maurizio Capone (Forza Italia), Simone Magistri (civica del sindaco) e Beatrice De Gaetano (Fratelli d’Italia). Riceveranno le deleghe la prossima settimana e da quel momento inizieranno il loro percorso politico all’interno di palazzo dell’Aquila.

Rispetto alle designazioni della campagna elettorale mancano Gaetano Nanì, esponente della lista “Alleanza per Milazzo” che non ha raggiunto il quorum del cinque per cento e Franco Cusumano, rappresentante della lista “Insieme per Milazzo” che ha ottenuto l’accesso in consiglio comunale, ma con un solo consigliere. Ogni assessore nominato è infatti espressione di almeno due esponenti che saranno presenti in aula consiliare.
“Sono lieto di aver chiuso questo percorso al fine di poterci mettere al lavoro nell’interesse della collettività” – ha dichiarato il sindaco Pippo Midili – a conclusione della presentazione della sua squadra. “Una giunta che è un mix di esperienza e novità e confido molto nell’impegno di tutti coloro che mi collaboreranno in questo non facile percorso di gestione della città. Sono convinto che Milazzo riceverà benefici concreti della squadra che abbiamo messo insieme perché si tratta di persone che riscuotono consenso. Ringrazio le liste civiche e i partiti per aver proposto dei profili che fanno onore al nostro territorio. Abbiamo dato il giusto spazio rispetto alle scelte dei nostri cittadini che al momento di esprimere il voto hanno dimostrato di non essere sprovveduti e di indicare a chiare lettere quale doveva essere la loro rappresentanza. E’ il senso della democrazia. Noi ci siamo limitati a dare esecutività nella scelta degli assessori ai criteri che sono emersi dalle urne. In buona sostanza una lista che raccoglie duemila preferenze ha maggiori diritti di chi si ferma a mille. Ma, ripeto, oggi la città ci chiede di lavorare e tutti dovremo farlo guardando nella stessa direzione”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione