Nomina del direttore generale del Comune di Messina, la nota congiunta di Uil e Cgil

29 Ottobre 2020 Politica

In una nota, il segretario generale della Cgil Messina Giovanni Mastroeni e il segretario generale della Uil Messina Ivan Tripodi ricordano come qualche settimana fa il sindacato e i lavoratori del Comune di Messina sono stati pesantemente e pubblicamente attaccati dal sindaco di Messina Cateno De Luca “su tutta la materia che attiene il funzionamento di Palazzo Zanca, smart working, efficienza dei servizi, produttività dei lavoratori sino all’accusa di istigazione a delinquere”.

“Oggi – dichiarano Mastroeni e Tripodi – a proposito di utilizzo di denaro pubblico, lo stesso sindaco decide di utilizzare 188mila euro delle risorse della collettività per la nomina del direttore generale del Comune di Messina. Si ricorda che tale figura, nei comizi e nel programma della campagna elettorale di De Luca del 2018, veniva indicata come uno spreco di Palazzo Zanca che andava subito eliminato. Nella rimodulazione del Piano di riequilibrio finanziario pluriennale che il sindaco presentò al Consiglio comunale il 23 novembre 2018, fra i punti presenti vi era quello che prevedeva un risparmio di 80mila euro annui dalla soppressione della figura del vecchio direttore generale”.

“Oggi, così come è stato per le partecipate che dall’eliminazione ne sono state costituite altre, viene prevista di nuovo la figura del direttore generale. Non si riesce a comprendere – concludono Mastroeni e Tripodi – il senso di atteggiamenti che da una parte screditano il mondo del lavoro per inefficienza e sperpero del denaro pubblico mentre dall’altra si assumono provvedimenti discutibili come questo”.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione