Sequestri e multe della Polizia Municipale

8 Novembre 2020 Cronaca di Messina

Duemilacinquento mascherine non idonee sequestrate alla Zir. E’ uno dei provvedimenti della polizia specialistica guidata dal comandante Giovanni Giardina che stamattina ha eseguito specifici controlli legati al rispetto delle disposizioni antiCovid.

Denunciati i due messinesi che avevano attrezzato le bancarelle con i dispositivi di sicurezza di origine cinese ma senza alcuna etichetta né possibilità di comprenderne la provenienza. Le mascherine andranno al macero. I due venditori ambulanti erano privi di ogni licenza.

Le attività di controllo anche a Maregrosso, dove i vigili, insieme ai carabinieri, hanno fatto sgomberare un mercatino delle pulci abusivo.

Multe e sequestri anche in piazza del Popolo, dove è stato sequestrato anche un mezzo privo di assicurazione, per occupazione di suolo pubblico e sul viale della Libertà, dove un discreto assembramento ha richiamato l'attenzione della polizia municipale che ha sorpreso un uomo che vendeva pesce senza nessuna licenza. Circa trenta chili di pesce sono stati sequestrati e il venditore multato anche perché non portava la mascherina.

Multe anche in un bar del centro città per la mancata chiusura, mentre sono in corso ulteriori verifiche su altri bar: il sospetto è che non venga rispettata la regola che prevede solo la possibilità di servire i clienti per l’asporto.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione