Messina: forza la porta d’ingresso e si introduce in una casa a San Michele. Arrestato 65enne

2 Dicembre 2020 Cronaca di Messina

Si è introdotto in casa della vittima, forzando la porta d’ingresso di cui ha sfondato il vetro con una pesante statuetta e terrorizzandola, col capo travisato da cappello e mascherina chirurgica. È quanto accaduto ieri, alle 16.00 circa, in zona villaggio San Michele. Quando la vittima ha chiesto l’intervento della Polizia di Stato, ha minimizzato sostenendo che si trattava di un dovuto a problemi di natura privata da risolvere con la vittima. La successiva perquisizione estesa all’autovettura del reo ha portato al rinvenimento di due coltelli, una pistola Beretta, un caricatore e cartucce compatibili con entrambi. L’uomo, 65 anni, incensurato, con regolare porto d’armi per uso sportivo, ha dichiarato di aver dimenticato l’arma dopo averla utilizzata al poligono tempo addietro. Ulteriori accertamenti da parte dei poliziotti di Volanti e Squadra Mobile hanno permesso il rinvenimento di uno zaino contenente un ulteriore caricatore, altre cartucce e attrezzi di varia natura tra cui un martello, cacciaviti, cannello completo di bomboletta di gas propano, guanti, fil di ferro, nastro da imballaggio, corde, una pinza, fascette da elettricista. Il reo è stato arrestato per i reati di violazione di domicilio e porto abusivo di arma comune da sparo e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, trasferito presso la casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto. Ritirato porto d’armi e sequestrate tutte le armi in possesso dell’arrestato.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione