Messina, zona rossa nel week-end pasquale

31 Marzo 2021 Cronaca di Messina

In vista delle festività pasquali e tenuto conto che, nei giorni 3, 4 e 5 aprile prossimi, è prevista l’istituzione della “zona rossa” sull’intero territorio nazionale, si è svolta in Prefettura una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto Cosima di Stani. Il prefetto, in apertura dei lavori, ha evidenziato la necessità di prestare particolare attenzione alle problematiche concernenti l’esodo e il controesodo, in considerazione del possibile rischio che le festività pasquali, di solito connotate da una maggiore movimentazione di persone, possano costituire l’occasione per raduni spontanei e assembramenti. In tale direzione, è stata richiamata l’attenzione sulla necessità di effettuare una approfondita programmazione dei servizi di vigilanza per assicurare le misure contenitive del contagio da Covid-19.

In sede di Comitato, è stata quindi condivisa l’esigenza di incrementare le attività generali di controllo e vigilanza del territorio, già in atto, con specifico riguardo alla rete stradale e autostradale nonché agli scali portuali e ferroviari e, in particolare, presso i seguenti varchi in entrata e in uscita dalla città capoluogo: Rada San Francesco; Molo Rizzo; Porto di Tremestieri; Stazione Centrale e Marittima; terminal bus (compreso il parcheggio Cavallotti).

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione